Silicon Beach Digital Agency

post-header

In un contesto globalizzato come quello odierno, per un’impresa l’export è fondamentale. Le imprese che esportano sono più solide e crescono ad una velocità maggiore.

L’ export è un’opportunità che le PMI devono saper cogliere, nonostante la scarsità di risorse, per avviare un processo di internazionalizzazione continuativo e di qualità.

Un processo che sia continuo e che sfrutti le nuove tecnologie messe a disposizione anche dai canali di export online, che già rappresentano, per alcuni settori, la soluzione, in una fase come quella odierna caratterizzata dalla crisi pandemica, per attenuare un calo dei consumi.

SOCIAL MEDIA MARKETING

I social media sono diventati, per le persone, dei canali di comunicazione ormai imprescindibili e conseguentemente stanno trasformandosi sempre di più nei principali canali di comunicazione delle imprese.

La loro evoluzione li ha visti trasformarsi da semplici mezzi di comunicazione a mezzi commerciali, come canali usati dalle aziende, sia in ambito B2C che nel B2B, per parlare direttamente con i propri clienti.

Sono diventati uno strumento di comunicazione per le aziende con due valenze:

1. Promuovere i propri prodotti/servizi
2. Acquisire, al tempo stesso, informazioni sui clienti, intuendone le aspettative e i bisogni da soddisfare

 

social media marketing

 

Un social network rappresenta un efficace strumento per farsi conoscere all’estero attraverso delle relazioni meno invasive rispetto ai classici media.

Permettono prima di tutto di migliorare la propria Brand Awareness, ed in seguito di fidelizzare i clienti e di creare engagement attraverso un’interazione diretta e personalizzata tra impresa e cliente.

Un fenomeno, quello del Social Media Marketing, che trova i suoi vantaggi nello sviluppo dei rapporti sia con i clienti finali come i consumatori, ma anche con i clienti intermedi come gli importatori, i distributori, gli intermediari.

SOCIAL MEDIA – “MOTORE DI INNOVAZIONE ED EXPORT PER LE IMPRESE”

I Social Media sono una vetrina per i propri prodotti ma anche per entrare in contatto con i possibili clienti.

Sono, dunque, un potenziale canale di promozione dell’export, anche per quelle aziende che non hanno ancora trovato dei propri strumenti di promozione adeguati e a costi ragionevoli.

Un canale di export che deve essere ben pianificato, e non lasciato all’improvvisazione, e reso molto flessibile alle esigenze dell’impresa, anche con un community management, e alle caratteristiche dei mercati a cui ci si rivolge.

 

social media

 

Bisogna, in primo luogo, individuare le tipologie di Social Network più adatte al settore dell’azienda, ad esempio Instagram è un social più efficace per un’impresa del settore fashion piuttosto che per un’impresa tecnologica, e poi individuare il grado di diffusione di un determinato Social nel paese dove si vuole entrare.

Infatti ogni mercato estero ha un suo Social network di riferimento, che non sono i soli Social più famosi e diffusi nel mondo come Facebook, Instagram, Twitter, Linkedin. (ad esempio Vkontakte – Russia, Orkut-India e Brasile, WeChat – Giappone)

Infine bisogna monitorare e raccogliere le informazioni attraverso applicativi (Google Analytics, Facebook Insights, Google Trends) per orientare al meglio le proprie attività e la propria campagna di advertising sui social in funzione delle preferenze dei consumatori.

FACEBOOK – ESEMPIO DI UN SOCIAL MEDIA PER L’EXPORT

(Fonte: “Empowering the European Business Ecosystem”, Copenhagen Economics, 2020)

Facebook, uno dei più popolari social con diversi target di persone, è un’ottima vetrina per le aziende di ogni categoria e dimensione.

Un sondaggio di Copenaghen Economics, commissionato da Facebook, ha condotto una ricerca su più di 7.700 aziende di 15 Paesi europei svelando che in quattro casi su dieci le interazioni di Facebook aiutano a creare nuovi prodotti e servizi.

Ma il risultato più evidente è stato quello sull’incremento delle vendite all’estero.

“Per 7.720 aziende europee la presenza su questo social network ha garantito 208 miliardi di euro di ricavi annui aggiuntivi. Su questo totale, circa 98 miliardi di euro sono dovuti agli incrementi di esportazioni dentro e fuori dall’Ue (58 e 40 miliardi, rispettivamente).”

Invece un sondaggio Ipsos, commissionato da Facebook, ha analizzato i dati sull’uso da parte delle PMI italiane delle app della Piattaforma (Facebook, Messenger, Instagram, WhatsApp) ed il loro peso sullo sviluppo del proprio business.

La piattaforma, Facebook ed Instagram, ha contribuito, secondo circa il 45% delle aziende, ad un incremento delle vendite sul mercato interno ed internazionale e ad un aumento di nuovi clienti; e attraverso Messenger e WhatsApp un miglioramento della customer satisfaction.

SOCIAL SELLING – FENOMENO DA AFFIANCARE ALLA DIGITAL TRANSFORMATION

social selling

Chi non possiede un e-commerce proprietario, si appoggia a piattaforme di vendita, come il Marketplace di Amazon, che offre spazio a venditori esterni permettendogli di usufruire del grande bacino di utenza del sito.

Nell’ultimo periodo, dettato dalla pandemia, si è sviluppato il fenomeno del social selling, un processo di ricerca ed interazione con i clienti attraverso i social network, soprattutto in alcuni settori come quello del fashion.

Infatti, per coloro che non avevano un e-commerce o un proprio spazio in un marketplace, è aumentato l’uso dei social, soprattutto Instagram o Facebook, per promuovere e vendere i propri prodotti.

Un’attività, quella del social selling, di interazione tra il team di marketing e delle vendite, che mostra i suoi risultati nel medio-lungo periodo e con un network di almeno 3/4000 contatti.

Tutto viene effettuato attraverso le piattaforme social e i potenziali clienti trovano il negozio sui social network e i prodotti mostrati attraverso le varie funzioni, come feed o stories.

Un sistema molto semplice, efficace e a basso costo, che permette anche di creare una propria rete all’estero e che, affiancato alla odierna fase di Digital Transformation delle imprese e al fenomeno del Droppshipping, in fase di logistica, permette di migliorare la fidelizzazione del cliente e la precisione nelle previsioni di vendita.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *